venerdì 26 agosto 2011

Lago di Bolsena. La barca in legno della signora Derna



Rosso acceso, forma triangolare, fondo piatto. Se non l'ultima, una delle ultime barche tradizionali in legno che è possibile ammirare sulle sponde del lago di Bolsena.

È stata costruita in mogano nel 1990, quando l'uso della vetroresina si era già imposto.

La troviamo coperta da sacchi di juta e teli che la difendono dal sole. Da qualche anno non viene più utilizzata per la pesca ma fa mostra di sé accanto al Circolo nautico l'Ancora a Montefiascone Lago.



Il fonno (il fondo) è formato da tavole disposte longitudinalmente e tenute insieme da quattordici pòste (traverse). Quattordici matèe in ferro ad U (le ordinate) collegano il fonno alle sponne (le fiancate) che sono state ricavate da un'unica tavola di mogano, come ci ha orgogliosamente ricordato la proprietaria.




Le sponne si alzano e si uniscono a formare la punta (la prua) dov'è fissata la bbrija usata per tirare lo scafo in secca con l'argano.



L’usciòlo (lo specchio di poppa) è più basso delle sponne, perché è dalla culata (la poppa) che i pescatori di Bolsena manovrano le reti. Una trave in ferro, la talena, chiude la parte superiore dell'usciòlo, ha una doppia funzione: rinforza la parte soggetta a maggiore attrito e collega le fiancate, mancando qui la tavola di poppa. Le parti sporgenti della talena, dette orecchjòzze, sono usate per spingere la barca in acqua o tirarla a riva. Alla stessa trave in ferro è fissato il brachet per il fuoribordo.




Osservando questa barca in secca si nota quanto il fondo sia stato piegato per raggiungere la leva (la curvatura) più adatta; leva che al lago di Bolsena è particolarmente accentuata. Altrettanto marcata è la sbragatura delle fiancate (la divaricazione rispetto al fondo) alla quale contribuiscono sia le matèe sia il rtrasto de mezzo e il rtrasto de punta (le panche).



Al fondo della barca è stato applicato un tappo per permettere lo svuotamento dello scafo tirato in secca.



LagoBolsena
Usopesca
Anno di costruzione1990
Materiali di costruzione dello scafomogano
Colore rosso
Lunghezza fuori tuttocm. 627
Lunghezza al galleggiamentocm. 550-530
Larghezza al centrocm. 171
Larghezza del fondo al centrocm. 100
Larghezza della poppacm. 167
Altezza a pruacm. 95 circa
Altezza al centrocm. 66 circa
Altezza a poppacm. 96  (cm. 78 al centro dello specchio)
Numero delle ordinate14
Spessore delle ordinatecm. 1,2
Distanza tra le ordinatecm. 33-35
Materiale delle ordinateferro
Numero delle traverse14
Panca 2
Brachet o sostegno per il motoreun brachet rimovibile in ferro




[Questa scheda è stata realizzata con la collaborazione di Sonia Zeroli e grazie alla disponibilità del Circolo nautico l'Ancora a Montefiascone Lago, Tel. 339 8108707]

English version

[E. F.]


Visualizzazione ingrandita della mappa

13 commenti:

  1. dobbiamo conoscere questa misteriosa Sonia

    RispondiElimina
  2. ma quando una del Trasimeno?

    RispondiElimina
  3. Al Trasimeno ne ho vista una al porto turistico di Castiglione

    RispondiElimina
  4. Giannino il gattaro30 settembre 2011 19:17

    tutti alla ricerca della barca martana. ma si dirà così?

    RispondiElimina
  5. la prossima volta che vado a Bolsena allungo e passo a vederla

    RispondiElimina
  6. mi correggo "bravi, al Trasimeno ci sono ancora barche in legno? in acqua?"

    RispondiElimina
  7. bella questa barca, davvero bella!

    RispondiElimina
  8. una scheda molto interessante

    RispondiElimina
  9. dovete tornare per altre barche...

    R. da Marta

    RispondiElimina
  10. Bella questa scheda ma soprattutto bella la barca della signora

    RispondiElimina
  11. un articolo curioso, viene voglia di tornare a Bolsena

    RispondiElimina
  12. Bella davvero, complimenti per il servizio. Riportata al mogano deve venire uno splendore.

    RispondiElimina