mercoledì 10 agosto 2011

I capanni in località Cavaiano



Ieri pomeriggio, con l'aiuto di Sonia, siamo stati in località Cavaiano sulla sponda occidentale del lago di Bolsena tra Valentano e Gradoli. Ci siamo imbattuti in alcuni capanni dei pescatori e in diverse barche tradizionali.

I pescatori del lago usano i capanni come rimessa per le reti e gli altri attrezzi da lavoro. Nella stagione estiva possono trascorrervi l'intera giornata.

Alcuni capanni sono dei semplici box in lamiera, altri sono delle piccole casette in legno o muratura. A volte sono dotati di veranda, tavoli e una rudimentale cucina.
La diffusione di queste costruzioni è dovuta alla distanza, spesso rilevante, tra i centri abitati e gli ormeggi. Il lago, infatti, ha soltanto tre porti: Bolsena, Marta e Capodimonte.

Per raggiungerli. Si lascia la Cassia seguendo le indicazioni per Gradoli, dopo località Borghetto (a 3 chilometri da Gradoli) si imbocca la Strada provinciale per il lago di Bolsena e si "costeggia" in senso antiorario.
Venendo da Marta, si lascia la strada Verentana (SP8) e si percorre la Strada di Gradoli: una via bianca che affianca la spiaggia. La zona dei capanni comincia (come l'asfalto) nei pressi del ristorante da Massimo.
[E. F.]









Visualizza Associazione Arbit in una mappa di dimensioni maggiori

5 commenti:

  1. belle ste capanne

    RispondiElimina
  2. Le capanne sono demaniali o costruite dai pescatori per il lavoro?

    RispondiElimina
  3. Le capanne sono del demanio o dei pescatori?

    RispondiElimina
  4. E possibile tenere una barchetta con quelle dei pescatori ?

    RispondiElimina