martedì 17 dicembre 2013

La sghionguelata



Nei mesi più freddi dell'inverno, durante il giorno o come attrazione durante le veglie, si usava fare dei fuochi vivaci nel grande camino di casa con i cappellini delle ghiande (ghiongolo).

Si creava così una suggestione particolare data sia dalla luminosa fiamma sia dal vistoso fumo bianco che usciva dal comignolo.

L'occasione era propizia per bere un bicchiere di vino e mangiare un budellino essiccato rinvenuto sopra la fiamma in compagnia di amici e vicini.



A Milano già la chiamavano happy hour.

[Guido e Remo]

3 commenti:

  1. Una parola che non avevo mai sentito, ma dove sui usava?

    RispondiElimina
  2. Mai sentita questa parola

    RispondiElimina
  3. ma chi sghionguela il primo dell'anno?

    RispondiElimina