martedì 27 marzo 2012

Ripassare le reti



Quest'inverno a San Feliciano tra i pescatori intenti a "ripassare" le reti.



Il pescatore arpassa le reti (pulisce - ripassa le reti) per liberarle da incrostazioni, fanghiglia, alghe, nodi o grovigli, ripetendo quei dei gesti che sono di sempre:
  • le ntufa in acqua  (le immerge in aqua);
  • le batte sul bordo della barca;
  • le struscia co le mane (le strofina con le mani)
  • le picca per sciugà (le stende ad ascigare)
Per quest'ultima fase si avvale dell'attendetoio o stendetoio, costituito un tempo da forcelle e pali in legno ora da tubi in ferro appesi con dei ganci a pali o alberi.

La rete viene allargata, così da individuare più facilmente i piccioli (nodi) da eliminare.

[E. F.]



6 commenti:

  1. me sembra ch'ete fatto n'bon lavoro ad arpassà ste rete.. domane se possono armette!
    arvedemmece.

    RispondiElimina
  2. Non si capisce bene quello che dicono i pescatori

    RispondiElimina
  3. parlano della pesca al lattarino che era appena iniziata, sui risultati di cattura tra castiglione e san feliciano.

    RispondiElimina
  4. Passa che ti ripassa.

    RispondiElimina
  5. Ripassa che non ti passa

    RispondiElimina